Nuraminis

Comune in fase attivazione
Provincia di Cagliari
Regione storica di Campidano

CAP: 09024
Prefisso Telefono: 070

Azienda n° 6, Sanluri
Distretto sanitario Sanluri

Superficie territoriale 45,29 kmq
Altitudine 93 metri s.l.m.

Abitanti al:

1951: 2935
1961: 3045
1971: 3024
1981: 3107
1991: 3124
2001: 2821
2011: 2606



Unione dei Comuni "Basso Campidano"
Monastir, Samatzai, S. Sperate, Ussana, Villasor
Scopri i 377 comuni della Sardegna

Il territorio
Situato sul versante orientale della pianura del Campidano, a ridosso dei primi rilievi che preannunciano il paesaggio collinare della Trexenta, il Comune di Nuraminis è un tipico paese a vocazione agricola della provincia di Cagliari. Si trova a 93 metri sul livello del mare sul livello del mare e conta 2606 abitanti. Il territorio del Comune di Nuraminis, di 45,29 kmq, con una densità di 57 abitanti per kmq, è delimitato da quelli di Monastir, Villasor, Serramanna, Samassi, Serrenti, Samatzai e Ussana. Dal punto di vista geologico, è caratterizzato da rocce pirogeniche del terziario e da scisti  siluriani. Il territorio del Comune di Nuraminis è quasi interamente costituito da una pianura fertile e coltivabile, in gran parte irrigata, e diventa leggermente collinoso verso est, dove si trovano le alture di Cuccuru su Pardu (Matamurroni), Monti Leonaxi, Monti Cruccuri, Sa Corona e Sa Scrocca. La presenza di alcuni pozzi vicini all’abitato, come Funta’ Bella, e Muracesus e di fonti campestri (Mitzas de Segavenu, Givarda, Sa Frisa, Ferranti) testimoniano come i nuraminesi potevano far fronte alle esigenze idriche in epoca storica. I corsi d’acqua di Riu s’Isca, Santu Pedru, S’Arratori e Gutturu Mannu, che segnano le campagne, non hanno mai avuto grossa portata. Un tempo, nel territorio del Comune di Nuraminis esistevano delle paludi pericolose per la malaria. Si chiamavano Su Stai. Pauli su Juncu, Pauli Orri; Benazzu Casula e – al confine Samatzai – Pauli Mannu che, come fa intuire il nome era la più estesa. Oggi questi acquitrini sono tutti scomparsi e trasformati in terreni coltivabili.

La storia
Il territorio del Comune di Nuraminis fu abitato sin da epoca remota, come dimostrano le testimonianze della caverna sepolcrale neolitica di sa Corti Affossada e i resti prenuragici di Is Cresieddas, Ferranti, Santa Maria e Segavenu. Questi ultimi due insediamenti, che un tempo costituivano dei villaggi sui quali vigilavano dalle colline circostanti alcuni nuraghi risalenti al periodo arcaico, rivestono notevole importanza storica. A Santa Maria (Villagreca) le capanne, di cui non resta traccia, erano protette dai nuraghi di Sa Corona, considerato tra i più antichi della Sardegna (1800 a.C.), Monti Leonaxi, Su Pardu e Serra is Cannigas (tutti appartenenti al periodo tra il 1550 e il 1100 a.C.), dove è stata rinvenuta una sepoltura proto nuragica ricca di oggetti risalenti anche a epoche successive. In questa zona, ai piedi del rilievo calcareo de Sa Corona, esiste un pozzo nuragico pressoché intatto che sicuramente, oltre a soddisfare il fabbisogno idrico della comunità locale, rappresentava un luogo di culto. Importante era il nuraghe complesso di Segavenu, i cui resti sono stati devastati negli anni Ottanta, in modo criminale da una ruspa, alla ricerca di chissà quali tesori. Molte sono state anche le tombe di epoca nuragica profanate e distrutte. Così come sono minacciate dai tombaroli e dai mezzi agricoli le numerose tracce della presenza fenicio-punica e romana (c’era nella zona una colonia o statio). Altrettanto accade ai resti degli antichi agglomerati abitativi di Pranemontis, Santa Barbara, Santu Martinu, Santu Sadurru o dei villaggi, alcuni dei quali abitati fino al tardo medioevo, di Partemontis, Muacesus, Cancellus, Seuci, Norapeci e Segavenu. Di questi antichi centri abitati rimane ora solo la memoria, tenuta viva dalla toponomastica che indica con quei nomi alcune zone della campagna.


ListaEventi155


Cosa Dove Quando
Scopri i 377 comuni della Sardegna
Carlo Delfino editore & C. Snc  | Via Caniga 29/b - 07100 Sassari (SS), Italia | tel. 079 262661 - fax 079 261926  | P.IVA 00914540901 | e-mail: info@carlodelfinoeditore.it

Privacy | Mappa del sito

Realizzazione siti web: J-Service