Elini

Comune in fase attivazione
Provincia di Ogliastra
Regione storica di Ogliastra

CAP: 08040
Prefisso Telefono: 0782

Azienda n.4, Lanusei
Distretto sanitario Lanusei

Superficie territoriale 10,90 kmq
Altitudine 472 metri s.l.m.

Abitanti al:
1961:523
1971:494
1981:495
1991:526
2001:546
2005:580
2010:555


Unione dei Comuni "Ogliastra"
Arzana, Bari Sardo, Lanusei, Loceri
Scopri i 377 comuni della Sardegna

Il Comune di Elini (villa di Elino, in diminutivo di Elio), villaggio della provincia e della diocesi di Ogliastra, 472 m slm, si trova in una posizione di mezza costa, lungo la strada provinciale 23 che unisce Ilbono ad Arzana. Conta 580 abitanti al 1° gennaio 2006. Il territorio del Comune di Elini si estende per kmq 10,90 ed è diviso in due tronconi: il primo, più a ovest e attiguo all’abitato, confina con quelli di Arzana e Ilbono ed è pianeggiante nell’abitato e a valle mentre è ripidissimo a monte, tanto che tocca al Bivio Carmine gli 856 metri di altitudine; il secondo, più a oriente, è collinoso e alquanto aspro, confina con Arzana, Ilbono e Tortolì.

Il territorio
Coltivato prevalentemente ad olivi, frutteti ed orto il primo – ma con una ampia foresta di lecci al Bivio Carmine –; il secondo è a seminativo e adatto ai pascoli. Entrambi sono granitici. Il rio Corongiu, che scende dal centro abitato con altro nome, segna il confine con Arzana, lungo la strada pianeggiante diretta a Tortolì. Numerose le sorgenti del Comune di Elini, tra le quali molto frequentata, specie in passato, la Funtana Manna, alla periferia dell’abitato. Il Bivio Carmine, dove si incontrano la statale 198 proveniente da Cagliari per via interna, la 390 da Bari Sardo e la 389 da Nuoro, è il centro stradale dell’Ogliastra più importante per chi, dalla costa, si dirige verso l’interno dell’isola ed anche punto obbligato della strada interna che porta dall’Ogliastra a Cagliari. Fino alla metà dell’Ottocento era il nodo principale di questo secondo percorso, preferito allora perché quello che segue la costa orientale non presentava tra Muravera e Quartu Sant’Elena centri abitati per fare tappa con sicurezza. Nel Bivio Carmine sorge la chiesa della Vergine del Carmine, che in tempi remoti anteriori era dedicata a San Mauro. Il lucus (o bosco sacro secondo le antiche credenze), ancora presente attorno alla chiesa ed alla sorgente di acque dotate di proprietà terapeutiche, fa pensare ad un centro di culto pagano anteriore al Cristianesimo. Ne sarebbero una conferma la presenza in quel luogo di due nuraghi e di un villaggio nuragico, oggi scomparsi.

La storia
Tre diplomi di congedo militare romano trovati nella zona, l’importanza di quel centro stradale e di culto ci fanno supporre che ai tempi di Roma lo custodisse un presidio militare, attorno al quale forse era il centro abitato antico del paese, che sarebbe poi stato spostato nel sito attuale detto tradizionalmente Bidda de Fossu. Le notizie più antiche dell’attuale abitato risalgono al secolo XIV. Il Comune di Elini ha avuto sempre amministrazione autonoma salvo che nel periodo che va dal 1881 al 1951, quando ha fatto parte del vicino comune di Ilbono. 


ListaEventi67

Nessun evento

 







Cosa Dove Quando
Scopri i 377 comuni della Sardegna
Carlo Delfino editore & C. Snc  | Via Caniga 29/b - 07100 Sassari (SS), Italia | tel. 079 262661 - fax 079 261926  | P.IVA 00914540901 | e-mail: info@carlodelfinoeditore.it

Privacy | Mappa del sito

Realizzazione siti web: J-Service