Assolo

Comune in fase attivazione
Provincia di Oristano
Regione storica di Parte Valenza

CAP: 09020
Prefisso Telefono: 0783

Azienda n.5, Oristano
Distretto sanitario Ales

Superficie territoriale 16,32 kmq
Altitudine 255 metri s.l.m.

Abitanti al:
1951:718
1961:743
1971:730
1981:595
1991:544
2001:478
2005:479
2011:444


Unione dei Comuni "Alta Marmilla"
Albagiara, Ales, Asuni, Baradili, Baressa, Curcuris, Gonnoscodina, Gonnosnò, Mogorella, Morgongiori, Nureci, Pau, Ruinas, Senis, Simala, Sini, Usellus, Villa S. Antonio, Villa Verde
Scopri i 377 comuni della Sardegna

Confinante con i comuni di  Villa Sant’Antonio, Senis, Nureci, Sini, Albagiara, in provincia di Oristano, il Comune di Assolo si trova nelle falde basaltiche della Giara ai piedi di Sa Cabirada, la parte più alta del territorio, che per gli abitanti del paese è “il monte”, ricco di lecci, corbezzoli, lentischi, olivastri, macchia mediterranea. Lì vivono cinghiali, volpi, lepri e molte specie di uccelli. Una strada, finalmente realizzata, consente di raggiungere la parte boschiva più suggestiva che può così essere apprezzata in tutta la sua bellezza. La falda basaltica del Comune di Assolo è anche molto ricca di sorgenti e di ruscelli. Fra questi da ricordare il ruscello Lacusazzozza, che scendendo da un’altezza di tre metri forma una piccola e suggestiva cascata. A valle incontra altri due piccoli affluenti che, congiungendosi, vanno a formare il fiume Imbessu, il più ricco di trote, anguille e pesci d’acqua dolce. Numerose le sorgenti del Comune di Assolo: Bau-Franca, Garusa e Stiddiosa sono quelle più ricche d’acqua. Sovente accade però che, durante la stagione estiva, si asciughino completamente creando grossi problemi per il paese e per la sua economia. La mancanza d’acqua è uno dei motivi che hanno, seppure a malincuore, decretato la fine di un’economia tutta fondata sull’agricoltura. Ora la stragrande maggioranza delle forze attive del Comune di Assolo si dedica all’allevamento del bestiame ovino e bovino, ma in forme ancora arcaiche e tradizionali.

La storia 
I dati storici più attendibili sul Comune di Assolo risalgono al 1751 e sono riportati in un censimento che registra nel paese 293 abitanti. Sicuramente apparteneva all’antico Giudicato di Arborea e faceva parte della Baronia di Senis, contea del Castello. Nel Dizionario degli Stati Sardi compilato dal Casalis si hanno alcuni interessanti dati statistici che riguardano il paese.  Si allevavano tremila capi di bestiame, si coltivava il grano, l’orzo, fave e lino. Ricca e fiorente era anche l’attività artigianale. Assolo in quel periodo contava più di 140 telai, ormai presenti in quantità esigua, che tessevano anche il caratteristico orbace (panno di lana di pecora molto resistente, dalla trama alquanto irregolare che veniva eseguito su telai a mano molto stretti). Si possono comunque trovare splendidi tappeti, tende dai colori vivaci e con i caratteristici pibiones: un’attività che sta lentamente recuperando spazi e che si pone ormai, insieme alla pastorizia e all’allevamento del bestiame, come risorsa sicura del Comune di AssoloDa recuperare anche i nuraghi di Santa Lucia, Giuerri Mannu e Giureddu che con Sas Pedras Ladas, le grandi pietre che si trovano vicine, possono aprire le vie al turismo. Da visitare la chiesa parrocchiale costruita nel 1633, che custodisce un fonte battesimale del 1859 di pregevole fattura. Caratteristica, alla periferia del paese, anche la chiesetta di Santa Maria con un solo, antico altare a cui è attiguo un piccolo cimitero.

ListaEventi27

Nessun evento

 

Cosa Dove Quando
Scopri i 377 comuni della Sardegna
Carlo Delfino editore & C. Snc  | Via Caniga 29/b - 07100 Sassari (SS), Italia | tel. 079 262661 - fax 079 261926  | P.IVA 00914540901 | e-mail: info@carlodelfinoeditore.it

Privacy | Mappa del sito

Realizzazione siti web: J-Service