Arborea

Comune in fase attivazione
Provincia di Oristano
Regione storica di Campidano Simaxis

CAP: 09092
Prefisso Telefono: 0283

Azienda n.5, Oristano
Distretto sanitario Oristano

Superficie territoriale 115,50 kmq
Altitudine 7 metri s.l.m.

Abitanti al:
1951:4167
1961:3488
1971:3088
1981:3360
1991:3785
2001:3927
2005:3989
2011:4068


Unione dei Comuni "Terralbese"
Marrubiu, S. Nicolò D’Arcidano, Terralba, Uras
Scopri i 377 comuni della Sardegna

 «Ante marem terras…». Parafrasando i primi versi delle Metamorfosi si può ricordare con perfetta adesione: «Prima che la mano dell’uomo intervenisse sulla vasta palude, unico era l’aspetto della natura del territorio…», un’unica vasta distesa d’acqua stagnante, da Santa Giusta a Terralba, dalle rive del mare alla pedemontana dell’Arci. Una vasta palude dove la malaria regnava sovrana e dove l’accesso era consentito soltanto ad abili e spericolati pescatori o a cacciatori ardimentosi. Poi, il miracolo – che fu attribuito al regime fascista e che invece fu opera assidua e tenace di uomini semplici e forti – trasformò una palude senza confini in una terra popolata e produttiva. La Mussolinia d’un tempo, il Comune di Arborea di oggi è il simbolo più concreto della storia di un riscatto che non si è esaurito, ma che continua e si perpetua giorno per giorno. Il Comune di Arborea è una distesa di fresco e di verde, di attività e di lavoro, in un territorio in cui l’umidità è stata domata ed asservita, in cui l’acqua   stata deposta dal trono di tiranno assoluto e spietato e ridotta al servizio dell'uomo.

La storia  
La storia comincia nel 1918. La Grande guerra era terminata da poco ed iniziava la ricostruzione e la ripresa produttiva. A Milano, il 24 dicembre, con un capitale di tre milioni di lire, auspice la Banca Commerciale Italiana, si formava la Società Bonifiche Sarde con il compito di prosciugare e riscattare una vasta zona di territorio paludoso a ridosso del golfo di Oristano. Due mesi dopo, il 14 febbraio del 1919, tra il sindaco di Terralba, il deputato socialista Felice Porcella, e l’ingegnere Giulio Dolcetta, rappresentante della Società, si firmava il contratto di enfiteusi per la cessione, da parte del Comune di Terralba alla Società Bonifiche Sarde, di 9000 ettari di territorio da bonificare. Pure nel clima sociale e politico difficile e agitato degli anni immediatamente successivi la SBS non desisteva dal proposito di creare una grande azienda agricola nella vasta palude detta del Sassu, a simiglianza di quanto avevano fatto i veneti, strappando le terre al Po ed al mare per destinarle all’agricoltura ed alla pastorizia. Il primo provvedimento fu quello di accertare la causa della stagnazione delle acque. Quasi tutta la massa d’acqua che formava la grande perenne palude proveniva dal monte Arci e precisamente dal rio Mogoro: le acque torrentizie ed impetuose di quel corso, in periodo autunnale ed invernale, scendevano a valle non trovando la possibilità di sfociare nel golfo a causa dell’interramento della piana, che si trovava alcuni metri sotto il livello del mare. Si ebbe allora l’idea di sbarrare il rio Mogoro con una diga e di deviare il corso del torrente così ridimensionato molto più a sud, sino a farlo sfociare nella valle di San Giovanni. I lavori iniziarono nel 1931 e furono completati nel 1933: da quel momento le acque torrentizie non calarono più verso il Sassu ma, domate, verso la valle di Marceddì. Provveduto ad arrestare l’afflusso delle acque a monte, si pensò a prosciugare i terreni allagati a valle costruendo una potentissima idrovora capace di sollevare un’ingente quantità d’acqua dai terreni paludosi per riversarla nel mare. Ebbe così inizio il riscatto di un territorio che, da 6000 ettari emersi, diventò di 9000 ettari, perché 3000 furono quelli sottratti definitivamente all’acqua.

ListaEventi17

Nessun evento

 


Cosa Dove Quando
Scopri i 377 comuni della Sardegna
Carlo Delfino editore & C. Snc  | Via Caniga 29/b - 07100 Sassari (SS), Italia | tel. 079 262661 - fax 079 261926  | P.IVA 00914540901 | e-mail: info@carlodelfinoeditore.it

Privacy | Mappa del sito

Realizzazione siti web: J-Service